Maria Grazia Degola: l’Amazzone Scalza

 

 

Sono nata a Reggio Emilia, il 2 marzo 1958, terza di 4 fratelli.

Mi sono laureata in Lingue e Letterature Straniere alla Facoltà di Urbino.

Vivo ad Albinea, in provincia di Reggio Emilia e ho un figlio di 28 anni che si chiama Filippo Maria.

Ho sempre condiviso e condivido tuttora con mio marito Italo la passione e la gestione della scuderia. Lui è una persona  di grande sensibilità ed empatia nei confronti degli animali tutti  ed è da sempre il mio supporto ed instancabile aiuto.

Ho sempre avuto, fin da giovane, un carattere molto riservato  e ho vissuto la mia vita con i cavalli come un’esperienza “intima” , fatta di sentimenti, dialoghi e intuizioni che iniziavano al mattino in scuderia e finivano alla sera in scuderia.

 

concorso nazionale equitazione cervia maria grazia degola jacks dante

M.Grazia Degola e Jacks Dante         Concorso Nazionale A*****          Cervia 24-26 marzo 2017

 

Ho partecipato al mondo dei concorsi il più possibile in disparte, con altrettanta riservatezza, senza cercare di rincorrere a tutti i costi  ambizioni e interessi  agonistici.

Il mio lato romantico ha sempre fatto prevalere il “patto di protezione” nei confronti dei miei cavalli a qualsiasi smania di vittoria.

Il complimento che ricordo con più piacevolezza nella mia carriera di amazzone è stato quando un giorno, all’ingresso del campo,  mentre io e la mia cavalla guardavamo  chi ci precedeva in gara, un signore ha detto che sembravamo  “due amiche al cinema”.  Commento da cui poi è nato un articolo intitolato “l’amazzone scalza.”

 

sponsor tempest maria grazia degola equitazione

 

Ho ereditato la mia passione dal nonno materno, che seguiva i cavalli del trotto, e dal nonno paterno che aveva una piccola scuderia di cavalli da sella, qui ad Albinea, dove sono tuttora.

Un giorno mio nonno paterno andò alla Fiera di Verona e comprò un cavallo. Il caso volle che dopo pochi giorni, da quel cavallo cadde e purtroppo morì. All’epoca (io non ero ancora nata), mia nonna si fece promettere da mio padre che non avrebbero mai più avuto cavalli in famiglia.

Ovviamente non poteva immaginare che poi sarei nata io…  Le mie richieste e i suoi dinieghi sono stati il leitmotiv  per alcuni anni.

Avevamo una casa in Liguria e, complici alcuni amici di famiglia, ho montato per la prima volta a Rapallo, nel maneggio  di Santa Maria del Campo, all’età di 8 anni. Il primo cavallo che ho montato si chiamava Lambrusco.

Quello stesso inverno, a Reggio, veniva fondata una Scuola di Equitazione e lì venni  affidata alle “cure” del Colonnello di Cavalleria Gian Carlo Bellotti, il quale con la scusa che mi avrebbe formato il carattere… mi trattava come se fossi stata un soldato di Pinerolo.

Durante il primo periodo con  il Colonnello ho macinato un anno intero di trotto (ovviamente tutti i giorni) prima di poter provare qualche tempo di galoppo, evento straordinario al quale era stata invitata ad assistere tutta la mia famiglia. E visto che mi “impegnavo”,  il Colonnello stabilì che avrei potuto partecipare  a ben due concorsi , nei due anni successivi!!

Il primo fu nel 1967 e montavo un cavallo sauro di nome Don Carlos.

degola concorso equitazione don carlos

1967 1° concorso di Maria Grazia con DON CARLOS

 

Con il Colonnello non c’erano scorciatoie … se al primo concorso qualcosa fosse andato storto, avrei avuto altri 12 mesi per correggere gli errori.  Sotto il suo sguardo autoritario e attento, ho ben imparato la lezione che se un cavallo fa “l’antipatico”,  il dovere del cavaliere è cercare di essere  sempre, e comunque,  più simpatico di lui.

Tra gli anni ‘70 e ‘80 ho seguito diversi stages con Raimondo D’Inzeo, che veniva spesso a Reggio e siccome era un grande estimatore del nostro Lambrusco (il vino non il cavallo…),  non mancavo mai di fargliene trovare una cassa di quello che produceva la mia famiglia. Il momento più bello era quando lo caricavamo nel baule della macchina perché in un clima di gioia e “complicità” mi dava sempre quel consiglio in più, riguardo i miei cavalli.
Fu lui che mi spronò a proseguire con fiducia nella preparazione dei cavalli che avevo io stessa allevato.

Per un certo periodo ho poi montato con il sempre gentile e paziente Stefano Busi. Più avanti quando ormai ero autonoma, mi ha seguito in concorso Vittorio Cavalieri e poi Paul Dorman, cavaliere Irlandese con il quale sono approdata alle prime esperienze in Gran Premio.

Negli anni ’90 ho avuto diversi  Sponsors fra cui Yokohama, Wrangler, Pony (scarpe sportive)  McGregor Reebok e più recentemente Trendy Tiles London. All’epoca la televisione  era spesso presente durante i  Gran Premi  e i Campionati Italiani  e ho potuto produrre diversi minuti di riprese televisive sui maggiori canali quali Rai Uno e Rai Tre, tra l’altro con shares alti.

E’ sempre stato un onore per me rappresentare un marchio, un’idea o un progetto e  adesso,  la collaborazione  con Tempest che produce strumenti e prodotti per il benessere dei cavalli sportivi, amplifica la mia soddisfazione.

Maria Grazia Degola e Dialando Th

                            Maria Grazia Degola e Dialando Th

 

All’inizio degli anni 2000 ho cominciato a farmi delle domande riguardo alla qualità della vita dei cavalli sportivi a cui non riuscivo a dare risposte. Ho sospeso l’attività agonistica per quasi 8 anni, pur continuando a tenere e a vivere con i miei cavalli a casa.

Le risposte hanno piano piano cominciato ad arrivare quando, studiando tematiche etologiche e facendo esperienze all’estero soprattutto in Irlanda e in Inghilterra, ho intravisto la possibilità di dare un senso anche alla mia passione per il salto ostacoli.

In particolare mi sono appassionata al recupero degli ex purosangue da corsa e al loro reintegro in una “seconda vita”, più facile  ma altrettanto emozionante.

Nel salvare letteralmente la vita a molti di loro, ho cominciato a intravvedere in alcuni la voglia e la possibilità di rivivere un’ esperienza agonistica.

Ho iniziato studi che riguardavano l’alimentazione e la gestione del piede naturale (tutti i miei cavalli gareggiano con successo a piede scalzo da 7 anni, grazie anche al costante supporto e supervisione del Dr. Stefano Sabioni, fondatore della Scuola di pareggio olistico) e ad intravvedere la possibilità di approfondire argomenti da cui trarre nuovo spirito.

Oltre naturalmente a tantissime letture e ricerche ho  portato a termine vari corsi fra cui:

  • “Barefoot Horse Italia”, corso Base per  poter pareggiare e curare la manutenzione  tra un intervento e l’altro del professionista
  • “ Corso sulla Gestione Naturale” BHI “ con il Dr. Luca Gandini;
  • “ Joint Up/follow Up  1” c/o Laquus
  • “ Joint Up/Follow Up 2” c/o Laquus
  • “ Psicologia Equina ” con Christiane  Moheller
  • “TTouch Training per le Performance Sportive” con Linda Tellington Jones
  • “Il cavallo giovane” Linda Tellington Jones
  • “Metodo TTouch” con il Dr. Massimo Da Re

per poi approdare alla fantastica conoscenza di  Jean Luc Cornille che stimo moltissimo e ai suoi studi di biomeccanica, partecipando a due clinic con lui in Svezia ed iscrivendomi poi al corso IHTC Science of Motion, della durata di 8 mesi.

Circa due anni fa, durante un viaggio all’estero, lui  mi ha trasmesso un insegnamento  dicendomi “…non è vittoria quella che è fatta a scapito della salute del cavallo… Per contro si può vincere ogni volta se  il cavallo è adeguatamente preparato, sia nel fisico che nello spirito,  per la performance che gli verrà richiesta”.

Questo concetto non è così scontato e comporta a volte scelte non convenzionali  seppur  supportate da basi scientifiche. In ogni caso è il mio unico e sacro obbiettivo.

Attualmente  ho 7 cavalli, di cui 5 purosangue ex galoppatori, provenienti dall’ Irlanda e dall’ Inghilterra.

In questo periodo sto montando in concorso Jacks Dante, purosangue che ha corso fino all’età di 7 anni nei Point to Point in Irlanda e Dialando Th che, essendo al suo primo anno di presenza nel mondo del salto ostacoli nonostante abbia 9 anni, sta facendo la sua esperienza nelle categorie 5/6 anni   (fuori gara).

Inutile dire che le soddisfazioni sono enormi sia dal punto di vista delle performances che mi regalano sia dal punto di vista personale perché, ancora oggi più di prima,  posso vivere la mia passione sportiva/agonistica senza alterare quel dialogo costante, giornaliero e di intima fiducia con i cavalli.

Un po’ come se fossimo…..due amici al cinema!

tempest sponsor maria grazia degola equitazione

Nelle tre foto:  nella prima sono con Don Carlos al mio primo concorso! Nelle altre due con Jacks Dante e Dialando Th , quest’anno. Tra la prima e le altre due sono passati …..….. 50 anni!

Maria Grazia Degola

[vc_gallery interval=”3″ images=”5265,5242,5240,5227,5269,5266″]